PICANO

Ricerca libera

RISULTATI DELLA RICERCA

Notizie trovate: 1

Notizia Data pubblicazione Regioni Tipologia Settori
4778 10/06/2024 Tutte Sentenze Lavori ed Opere, Progettazioni, Beni e Servizi, Settori Speciali

Titolo: Appalti pubblici: quando una gara può essere dichiarata deserta?

Sottotitolo: Il Tar Campania chiarisce che una norma del 1924 è ancora in vigore

Commento:

Le regole dettate dall'art. 69 del Regolamento per l’amministrazione del patrimonio e per la contabilità generale dello Stato del 1924 (Regio Decreto n. 827/1924) sono tuttora in vigore. Lo chiarisce il Tar Campania, con la sentenza del 20 maggio 2024, n. 3258, si è pronunciato sulla perdurante validità della norma. L'articolo 69 in questione dispone che l’asta debba rimanere aperta un’ora e sia dichiarata deserta se non siano presentate almeno due offerte, salvo che l’amministrazione non si sia riservata la facoltà di aggiudicare anche in presenza di una sola offerta. Il Tar Campania si è espresso a proposito di una procedura negoziata, senza bando, ai sensi dell’art. 50 comma c del D.Lgs. 36/2023, con invito ad almeno cinque operatori. Il Comune, prendendo atto della ricezione di una sola offerta, dichiarava la gara deserta, invocando la previsione del bando che accordava alla stazione appaltante la possibilità di non procedere all’aggiudicazione nel caso di unica offerta ricevuta. L’operatore economico, che aveva presentato l’unica offerta nella procedura negoziata, ha censurato l’operato della stazione appaltante. Il Tar Campania, richiamando i principi che regolano la materia dell’evidenza pubblica, ha ritenuto che la norma del 1924 sia ancora in vigore e non incompatibile con il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023). La disposizione risulta in linea con il nuovo contesto normativo, poiché guarda alla pluralità delle offerte come fattore strumentale alla massimizzazione dell’interesse pubblico, come prescritto dal nuovo Codice con il principio del risultato. Il Tar ha ritenuto corretta anche la scelta di indire una nuova procedura aperta, non preclusa dall’art. 50 del D.Lgs. 36/2023. Sebbene nel nuovo Codice sia ravvisabile un principio di non aggravamento valevole anche per gli appalti sotto soglia, lo stesso principio del risultato impone che, a fronte del mancato affidamento con una procedura ristretta, la stazione appaltante possa optare per un sistema selettivo che, sebbene più complesso, dia maggiori possibilità di pervenire all’affidamento del contratto e alla sua esecuzione.

Inserto leggi e regolamenti:
Informazione pubblicitaria: Appaltitalia - Un mese gratis presentando un'azienda amica

Appaltitalia quotidiano iscritto al registro della stampa del Tribunale di Napoli, N.39 del 01/04/2004
Direttore responsabile Dott. Diego La Grassa

Edito da Editanet S.r.l. P. IVA 06646021219
Sede Legale: Via Francesco Lauria - Centro Direzionale Isola F/11 interno 86 - 80143 Napoli
Sede Operativa: CDN Napoli Isola F11 - 80143 Napoli
Tel.: +39 0810208600 / +39 08118658035 - Fax: +39 0810112814
editanetsrl@pec.sinapsis-srl.net
ISSN online: 2531-6095