SAIE
EDILSOCIAL

Ricerca libera

RISULTATI DELLA RICERCA

Notizie trovate: 1

Notizia Data pubblicazione Regioni Tipologia Settori
4273 14/06/2022 Tutte Sentenze Lavori ed Opere, Progettazioni

Titolo: Caro-materiali, Il Tar boccia il decreto del Mims

Sottotitolo: Sono da ricalcolare 15 rilevazioni su 56

Commento:

Il Tar di Roma (sentenza 3 giugno 2022 n. 7215) ha accolto il ricorso dell'Ance contro il decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili 11 novembre 2021 relativo alla rilevazione dei rincari del primo semestre 2021. La norma ha introdotto un meccanismo di compensazione straordinaria, derogatorio di quanto previsto dall’art. 133, commi 4,5 e 6-bis del D.Lgs. 12 aprile 2006, n° 163 e dall’art. 106 del D.Lgs. 50/2016, legato agli incrementi di prezzo dei materiali di costruzione più significativi che superino una determinata soglia. In particolare, rilevano gli incrementi (o le diminuzioni) di prezzo superiori all’8% registrati da tali materiali monitorati nel periodo dal 1° gennaio 2021 fino al 30 giugno 2021 con riferimento alla data dell’offerta, se riferite esclusivamente all’anno 2021, ed eccedenti il 10 per cento complessivo se riferite a più anni. L’Ance ha però contestato l’attendibilità dei dati forniti dal Mims, in particolare per quanto riguarda un certo numero di materiali più significativi oggetto di rilevazione e, a comprova di tale anomalia, ha prodotto in comparazione i dati emersi a seguito di apposite rilevazioni commissionate a provider privati che mostrerebbero significative differenze. Il Tar ha in parte accolto il ricorso sottolineando come “dall’esame dei dati riferiti al prezzo di alcuni dei materiali monitorati, emergono esorbitanti –e non facilmente giustificabili- differenze idonee a minarne la complessiva attendibilità”. Infatti, “dal raffronto dei dati resi dai provveditorati, da un lato, e dalle camere di commercio dall’altro; il disallineamento tra la media prezzi ricavate dai due istituti di rilevazione si palesa talmente ampio, ad esempio con riguardo ai materiali n° 5 (lamiere in acciaio corten), n° 7 (Nastri in acciaio per manufatti e per barriere stradali anche zincati) e n° 54 (Fibre in acciaio per il rinforzo del calcestruzzo proiettato), da rendere evidente la presenza di anomalie nel reperimento e nell’elaborazione dei dati stessi”. Di conseguenza, i giudici romani hanno accolto il ricorso e dichiarato che il Ministero deve effettuare un supplemento istruttorio riguardo ai rilevati incrementi di prezzo dei materiali più significativi in contestazione.

Inserto leggi e regolamenti:
Informazione pubblicitaria: Appaltitalia - INSERISCI QUI LA TUA PUBBLICITA'

Appaltitalia quotidiano iscritto al registro della stampa del Tribunale di Napoli, N.39 del 01/04/2004
Direttore responsabile Dott. Diego La Grassa

Edito da Editanet S.r.l. P. IVA 06646021219
Sede Legale: Via Francesco Lauria - Centro Direzionale Isola F/11 interno 86 - 80143 Napoli
Sede Operativa: CDN Napoli Isola F11 - 80143 Napoli
Tel.: +39 0810208600 / +39 08118658035 - Fax: +39 0810112814
editanetsrl@pec.sinapsis-srl.net
ISSN online: 2531-6095