EuroCorporation srl

Ricerca libera

RISULTATI DELLA RICERCA

Notizie trovate: 1

Notizia Data pubblicazione Regioni Tipologia Settori
3143 30/01/2018 Tutte Sentenze Lavori ed Opere, Progettazioni, Beni e Servizi, Settori Speciali

Titolo: Discordanza tra prezzo complessivo offerto e ribasso indicato

Sottotitolo: È legittima l’ammissione dell’offerta se nonostante l’errore nel calcolo del prezzo globale offerto, l’offerta economica appaia comunque completa

Commento:

E’ legittimo l’operato della stazione appaltante che non escluda un concorrente per incertezza assoluta sul contenuto dell’offerta quando nonostante l’errore nel calcolo del prezzo globale offerto, l’offerta economica appaia comunque completa degli elementi costitutivi e sia di interpretazione agevole la volontà ad essa sottesa; la correzione dell’errore ad opera della stazione appaltante può avvenire dopo l’aggiudicazione e prima della stipula del contratto. Così si è espressa l’ANAC richiamando il proprio parere n. 60 del 22 aprile 2015, secondo cui l’errata indicazione del ribasso in termini percentuali per evidente errore di calcolo non è causa di esclusione dalla procedura di gara, nel caso in cui l’offerta economica appaia comunque completa degli elementi costitutivi e riconducibile in via interpretativa a un intento del dichiarante. Nel caso di specie, l’offerta di un concorrente, poi classificatosi al decimo posto nella graduatoria, era presente un errore di calcolo del prezzo globale offerto, derivante dalla somma dell’importo per la progettazione e dell’importo per l’esecuzione dei lavori. La Commissione di gara aveva ritenuto valido il prezzo globale offerto dall’impresa trovando corrispondenza nel ribasso espresso del 25%. L’ANAV ha perciò ricordato che alla stazione appaltante è consentito correggere eventuali errori di calcolo, ma non integrare l’offerta individuando importi relativi ai prezzi che il concorrente avrebbe dovuto offrire e che, invece, ha omesso di indicare malgrado costituissero un elemento essenziale dell’offerta. Nella fattispecie l’ANAC ha considerato la discordanza tra il prezzo complessivo e quello dipendente dal ribasso offerto un errore di calcolo nella somma dell’importo per esecuzione e progettazione, un semplice refuso e non una carenza di chiarezza nell’indicazione del prezzo da cui derivi l’ambiguità dell’offerta non riconducibile in via interpretativa a un intento della parte concorrente. ll Consiglio di Stato, Sez. III, nella sent. n. 1487 del 27 marzo 2014, secondo costante giurisprudenza, ritiene che « le offerte di gara, intese come atto negoziale, sono suscettibili di essere interpretate alla ricerca della effettiva volontà del dichiarante; con la conseguenza, fra l’altro, che tale attività interpretativa può consistere anche nella individuazione e nella rettifica di evidenti errori di scritturazione e di calcolo».

Inserto leggi e regolamenti: Informazione pubblicitaria: Appaltitalia - INSERISCI QUI LA TUA PUBBLICITA'

Appaltitalia quotidiano iscritto al registro della stampa del Tribunale di Napoli, N.39 del 01/04/2004
Direttore responsabile Dott. Diego La Grassa

Edito da Editanet S.r.l. P. IVA 06646021219
Sede Legale: Via Francesco Lauria - Centro Direzionale Isola F/11 interno 86 - 80143 Napoli
Sede Operativa: CDN Napoli Isola F11 - 80143 Napoli
Tel.: +39 0810208600 - Fax: +39 0810112814
editanetsrl@pec.sinapsis-srl.net
ISSN online: 2531-6095